Marchi italiani, europei, internazionali - Deposito Marchi

logo blu
Vai ai contenuti

Menu principale:

Marchi italiani, europei, internazionali

MARCHI D'IMPRESA

Il Marchio d'Impresa è regolamentato dalla legge italiana, Codice Proprietà Industriale 2005, che recita in particolare:
I diritti del titolare del marchio d'impresa registrato consistono nella facoltà di far uso esclusivo del marchio. Il titolare ha il diritto di vietare ai terzi, salvo proprio consenso, di usare: a) un segno identico o simile al marchio registrato per prodotti o servizi identici o affini, se a causa dell'identità o somiglianza fra i segni e dell'identità o affinità fra i prodotti o servizi, possa determinarsi un rischio di confusione per il pubblico, che può consistere anche in un rischio di associazione fra i due segni; b) un segno identico o simile al marchio registrato per prodotti o servizi non affini, se il marchio registrato goda nello Stato di rinomanza e se l'uso del segno senza giusto motivo consente di trarre indebitamente vantaggio dal carattere distintivo o dalla rinomanza del marchio o reca pregiudizio agli stessi.
Nei casi menzionati alle lettere a) e b) del comma 1 il titolare del marchio può in particolare vietare ai terzi di apporre il segno sui prodotti o sulle loro confezioni: di offrire i prodotti, di immetterli in commercio o di detenerli a tali fini, oppure di offrire o fornire i servizi contraddistinti dal segno; di importare o esportare prodotti contraddistinti dal segno stesso; di utilizzare il segno nella corrispondenza commerciale e nella pubblicità.
I diritti sul marchio d'impresa registrato non permettono al titolare di esso di vietare ai terzi l'uso nell'attività economica: a) del loro nome e indirizzo; b) di indicazioni relative alla specie, alla qualità, alla quantità, alla destinazione, al valore, alla provenienza geografica, all'epoca di fabbricazione del prodotto o di prestazione del servizio o ad altre caratteristiche del prodotto o del servizio; c) del marchio d'impresa se esso è necessario per indicare la destinazione di un prodotto o servizio, in particolare come accessori o pezzi di ricambio; purché l'uso sia conforme ai principi della correttezza professionale, e quindi non in funzione di marchio, ma solo in funzione descrittiva.
I diritti sul marchi d'impresa registrato non permettono inoltre al titolare di esso di vietare l'uso del marchio per prodotti immessi in commercio nella Comunità Economica Europea con detto marchio dal titolare stesso o con il suo consenso. Questa limitazione dei poteri del titolare tuttavia non si applica quando sussistano motivi legittimi perché il titolare stesso si opponga all'ulteriore commercializzazione dei prodotti, in particolare quando lo stato di questi è modificato o alterato dopo la loro immissione in commercio.

Durata
I marchi d'impresa in Italia e in molti altri Stati durano 10 anni e sono rinnovabili per altri dieci anni alla scadenza (vedasi ad esempio il marchio Coca Cola). All'atto del deposito si anticipano le tasse di validità per l'intera durata.

Estensioni all'estero
I marchi si possono depositare all'estero singolarmente in ciascun Stato che abbia accordi di reciprocità con l'Italia. La priorità della data di deposito è rivendicabile entro sei mesi dalla data di deposito italiana, oppure è possibile il deposito successivo senza tale rivendicazione.
Sono noti diversi Accordi Internazionali in materia di marchi d'impresa i principali sono: il Marchio Internazionale OMPI-WIPO di Ginevra (comprendono 77 Paesi - Europei ed extra Europei); il Marchio Comunitario (comprendono 28 Paesi europei ).
Classi di prodotti e servizi
I marchi d'impresa sono suddivisi secondo una classificazione internazionale dei prodotti e dei servizi composta in 45 classi, di cui 34 riguardano i prodotti e 11 i servizi.

+39 0432 234444
+39 0432 534502 (fax)

marchi@allstudio.it
ALL STUDIO di Cragnolini Paolo
viale Venezia,277 - 33100 Udine (Italia)
Torna ai contenuti | Torna al menu